Cosa visitare allo Yellowstone Park nel vostro viaggio negli USA

Geyser Yellowstone National Park

Sem­bra sem­pre impos­si­bile finché non si real­iz­za

Ques­ta citazione di Man­dela, riferi­bile a molte occa­sioni del­la pro­pria vita, descrive per­fet­ta­mente il mio sta­to d’animo una vol­ta var­ca­ta la soglia del­la West Entrance del­lo Yel­low­stone Park.

Tut­ti da bam­bi­ni abbi­amo vis­to almeno una vol­ta una pun­ta­ta dell’Orso Yoghi (Yogi Bear), il popo­laris­si­mo car­tone ani­ma­to cre­ato da Han­na-Bar­bera che rac­con­ta le avven­ture di un caris­mati­co ed ingeg­noso orso  dal nome Yoghi, del suo ami­co Bubu e del suo ami­co-nemi­co Ranger Smith, respon­s­abile del­la sicurez­za del Par­co Nazionale di Jelly­stone. Il par­co immag­i­nario di Jelly­stone non è che una stor­piatu­ra del famoso par­co del­lo Yel­low­stone, e vi assi­curo che si incon­tra­no orsi, griz­zly e barib­al, ranger nelle loro tenute folk e i loro dis­tin­tivi, posti mer­av­igliosa­mente sel­vag­gi pro­prio come nel car­tone.

West Entrance Yellowstone National Park

Lo Yel­low­stone Nation­al Park è il più anti­co Par­co Nazionale del mon­do, la sua nasci­ta uffi­ciale risale al 1872 quan­do fu fir­ma­to il Land­mark Yel­low­stone Nation­al Park Act. Come par­co più anti­co ha guida­to la nasci­ta e lo svilup­po del Nation­al Park Ser­vice (Nps), l’agenzia fed­erale, isti­tui­ta nel 1916 e incar­i­ca­ta di pro­teggere questo “tesoro verde”. Lo Yel­low­stone Park fa parte di quel­la che viene defini­ta la Greater Yel­low­stone Region, uno degli ulti­mi eco­sis­te­mi qua­si intat­ti del piane­ta.

Dichiara­to Pat­ri­mo­nio dell’Umanità dall’Unesco nel 1978, il par­co si estende per ben 9 mila chilometri qua­drati, per avere un’idea di grandez­za pen­sate all’Umbria, nel­la parte Nord Occi­den­tale dell’America e toc­ca tre sta­ti: Wyoming prin­ci­pal­mente ma anche Mon­tana e Ida­ho.

Se pen­sate allo Yel­low­stone Park come un pae­sag­gio fat­to di mon­tagne, alberi e laghi, sap­pi­ate che è molto, molto di più. Dal verde inten­so dei boschi e all’azzurro dei laghi si pas­sa a pae­sag­gi lunari. Canyon sca­v­ati nel­la roc­cia, cas­cate, geyser fuman­ti e pozze geot­er­miche dai col­ori bril­lan­ti e qua­si irre­ali (senz’altro uno dei fenomeni più sug­ges­tivi del par­co se con­ti­amo che ce ne sono cir­ca 400).

Black Basin Yellowstone National Park

Cosa altret­tan­to incred­i­bile e che cos­ti­tu­isce uno dei motivi prin­ci­pali per vis­itare lo Yel­low­stone Park, è senz’altro la pre­sen­za di una fau­na che con­s­ta oltre 60 specie di mam­miferi, dei quali molti sono in via d’estinzione. La quan­tità di cervi e bison­ti amer­i­cani incon­trati durante il nos­tro viag­gio è incred­i­bile. Vi assi­curo uno spet­ta­co­lo irripetibile.

Lo Yel­low­stone Nation­al Park è divi­so in sette regioni che insieme coprono ben 8892 kmq. Una stra­da a for­ma di 8 e lun­ga 228 km, la Grand Loop Road, per­corre queste aree toc­can­do le prin­ci­pali attrazioni tur­is­tiche. Vedi­amo le sette regioni:

  1. Mam­moth Coun­try: famosa per le sue ter­razze geot­er­miche, non perdete la visi­ta alle Mam­moth Hot Springs la mat­ti­na con la luce che risplende nelle sue for­mazioni cal­ca­ree. Super!
  2. Roo­sevelt Coun­try: l’area più sel­vaggia, dove si tro­va la famosa Lamar Val­ley, rinom­i­na­ta il “Serengeti d’America”. Sveg­lia all’alba per avvis­ta­men­to fau­na assi­cu­ra­to, anche al tra­mon­to.
  3. Lake Coun­try: vici­no allo Yel­low­stone Lake pare si aggiri­no griz­zly in cer­ca di turisti..e di trote di Clark. Questo famoso lago alpino, oltre ad essere uno dei più gran­di del mon­do, ha anche la popo­lazione più numerosi di trote dell’entroterra degli Sta­ti Uni­ti.
  4. Geyser Coun­try: la più famosa, la più lunare, la più affasci­nante a mio avvi­so. La natu­ra ribolle, la ter­ra mostra la sua forza,  visioni pri­mor­diali. Pen­sate che oltre la metà dei fenomeni geot­er­mi­ci di tut­to il mon­do sono qui. Imperdi­bile tap­pa.
  5. Canyon Coun­try: una frat­tura, una gola impo­nente tra le roc­ce da cui lo Yel­low­stone Riv­er si tuffa con ener­gia dan­do vita ad una cas­ca­ta che sem­bra dis­setare il canyon. Pun­ti panoram­i­ci moz­zafi­a­to assi­cu­rati
  6. Area di Nor­ris: pre­sen­ta altri affasci­nan­ti, ance se meno numerosi, geyser
  7. Bech­ler Region: cas­cate, ter­reni palu­dosi, tor­ren­ti in piena da attra­ver­sare mag­a­ri a cav­al­lo. Solo per veri avven­tur­osi!

Jackson Lake Grand Teton National Park - 1

Noi abbi­amo potu­to ammi­rare le prime 6 aree nel nos­tro giro, aven­do a dis­po­sizione due not­ti nel Par­co di Yel­low­stone ed una pres­so il Grand Teton Nation­al Park. Così abbi­amo ass­apo­ra­to la bellez­za di questi luoghi tut­ta d’un fia­to, las­cian­do­ci trasportare dai col­ori, gli odori, i rumori del­la natu­ra nel vostro viag­gio folk on the road. 

Voglio con­clud­ere questo post con 5 moti­vazioni per cui dovete asso­lu­ta­mente inserire nel vostro viag­gio negli USA il par­co di Yel­low­stone.

  1. Per­ché non vi capiterà facil­mente di poter­vi sen­tire parte pro­fon­da del­la natu­ra come suc­cede in questo par­co
  2. Per­ché porterete nei vostri respiri, nei vostri pol­moni, nei vostri occhi la leg­gerez­za dell’aria di uno dei posti più incon­t­a­m­i­nati del piane­ta
  3. Per­ché lo sognerete per molto tem­po, e ogni vol­ta che vi sen­tirete stanchi, stres­sati dal­la vita urbana, basterà chi­ud­ere per un sec­on­do gli occhi e ripen­sare a quelle immag­i­ni, che scor­reran­no come dia­pos­i­tive nel­la vos­tra mente
  4.  Per­ché dovete asso­lu­ta­mente rac­con­tare di quei posti a chi amate, a chi ama la vera essen­za delle cose, a chi si sente avven­tur­oso, a chi vive in armo­nia con la natu­ra
  5. Per­ché si.

Curiosità: il nome Yel­low­stone deri­va dal­la grande quan­tità di zol­fo pre­sente nei let­ti flu­vi­ali e nelle falde roc­ciose.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.