Qbic London City: un design hotel a Londra nel cuore dell’East End

qbic london design

C’è sempre qualcosa di nuovo da vedere, una mostra da visitare, un nuovo locale dove ascoltare musica,  un mercato in cui perdersi, un nuovo design hotel a Londra. Un nuovo quartiere figlio del processo di gentrificazione che sembra essere proprio di questa città. L’ho già detto tante volte per me partire per Londra è un pò come tornare a casa, ho un affetto particolare per questa città che rimane una delle più stimolanti che io abbia mai visto.

E se ci sono sempre nuove zone da scoprire da una parte, dall’altra ci sono quartieri che si confermano per la possibilità di respirare un mood creativo e internazionale, dove sembra non si dorma mai, dove il profumo di spezie e cibi etnici si mischia a quello degli abiti vintage, dove la musica degli artisti di strada si fonde con le note provenienti dai negozi di musica. Dove la frenesia della City si confonde con il chiasso di strade come Bricklane.

Uno di questi è l‘East End, un vero inferno negli anni della rivoluzione industriale, luogo dove si dice si aggirasse Jack lo Squartatore, oggi fucina di idee, agenzie creative, locali alla moda, gallerie d’arte.

Ed è qui che soggiorno ogni volta che parto per un weekend a Londra: nei pressi dell’Old Sptiafields Market, Shoertdicth, Hoxton, Oldstreet, Bricklane.

Soggiornare nell’est end in un design hotel a Londra, si può anche a prezzi ragionevoli.

L’ultima volta in particolare ho scelto un bellissimo ed estroso design hotel a Londra, proprio di fronte alla Whitechapel Gallery, la galleria d’arte più importante dell’East End: il Qbic London City.

Aldgate East - Qbic London Hotel

Affacciato proprio di fronte ad un piccolo parco, il Qbic London City hotel si è rivelato fin da subito il luogo perfetto per respirare, anche al rientro dalla visita incessante alla città, arte, design e originalità.

qbic london design hotel

Nella hall ad accogliervi biciclette arredano le pareti (potrete chiederne una gratis per andare in girò in città), casse per l’acqua come lampade, dei fantastici arredi in legno. Un piccolo e smart desk per il vostro check-in, un bellissimo bar & restaurant sulla destra, i sorrisi dello staff che è sempre stato molto gentile ed accogliente sin dalle prime informazioni pre-partenza.

L’hotel è molto attento all’estetica, al recupero di materiali, allo spirito greenfriendly.

Ha vinto il premio del TripAdvisor Greenleaders program come il “Greenest Hotel in London”. Usciti dall’ascensore, luogo anche questo non lasciato al caso dove troverete una bellissima chitarra rossa a farvi compagnia, noterete subito dei simpatici cagnolini appesi alla maniglia della porta. Si tratta dell’iniziativa “Hang the Do-Not-Disturb Teddy on the door and… head to the Bar!”. Per chi soggiorna per più di una notte c’è la possibilità di scegliere di salvare l’ambiente e barattare la pulizia giornaliera con un drink gratis nello stiloso bar annesso all’hotel, aperto anche a chi non soggiorna in hotel. Ovviamente questa è solo una possibilità.

qbic london design hotel free drink

Le stanze sono molto originali, il letto è posizionato in una struttura denominata “Cubi“, che continua in un unicum con il bagno nella parte posteriore. A fare da sfondo alle vostre spalle troverete delle simpatiche foto ispirate alla zona in cui l’hotel si trova, noi abbiamo trovato un writer intento a colorare un muro (la zona di Bricklane e dintorni è famosa per la street art, troverete anche diversi graffiti di Banksy)!

Il Cubo è predisposto con tutto ciò che occorre, prese per ricaricare i vostri dispositivi, un phone, un poggia bicchiere, spazio a volontà per tutte le vostre cose. Alle spalle del cubo uno spazioso e colorato bagno. Una doccia grandissima vi aspetta. Troverete anche shampoo, bagnoschiuma e sapone per le mani tutti rigorosamente prodotti biologici.

Ad aspettarvi per un po’ di riposo un comodo letto con un materasso artigianale ipoallergenico NaturalMat e una TV a schermo piatto da 32 pollici. Ormai da anni ho un rituale che non manco mai alla sera: sorseggiare una tisana. Quando viaggio spero sempre di trovare un bollitore nella mia stanza.

Al Qbic troverete di più una simpatica postazione al 1° e 4° piano dove potersi preparare un caffè, una cioccolata calda, un tè o una camomilla, anche questi tutti biologici e gratuiti.

Al piano terra il bar, ristorante, dove potrete fare una completa e gustosa colazione ogni mattina, oppure una pausa con una birra al rientro dai vostri giri, oppure potete lasciarvi consigliare dal barman e provare uno dei cocktail. Come tutto l’hotel e forse in modo particolare questa sala è molto ricercata nell’arredamento, nel design, nell’accostamento di pezzi originali che lo rendono uno di quei luoghi in cui non vorresti più andar via. Troverete facilmente tanti ospiti che vengono qui anche solo per lavorare con i loro laptop.

Torniamo alla colazione, vi aspetta un magnifico tavolo a buffet dove non vi resterà che scegliere tra salato, dolce o entrambi! Yogurt, cerali di ogni tipo, frutta fresca e secca, semi da aggiungere al vostro pasto. Marmellate di ogni gusto, e centrifughe fresche, non succhi confezionati. Io ho potuto assaggiarne una buonissima fatta di spinaci, sedano e zenzero. Uova, bacon e sausages per gli appassionati non mancano.

qbic london design hotel colazione

Potrete anche pranzare o cenare, il menù promette bene, io non l’ho fatto perché in generale preferisco provare ogni volta un nuovo locale, o magari tornare in qualche posto del cuore dai sapori difficilmente replicabili.

Vi suggerisco tra i locali da raggiungere facilmente a piedi, nel cuore di Shoreditch, Andina per provar piatti sani e bevande ispirate alle Ande peruviane.

La mia esperienza al Qbic è stata assolutamente positiva, considerando che la zona è una delle mie preferite sono certa che tornerò una seconda volta.

Per prentoare potete farlo direttamente sul loro sito.

Puoi seguirli anche sui loro canali social: FBTwitterInstagram     SalvaSalva SalvaSalva SalvaSalva SalvaSalva SalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalva

Tags from the story
, ,

2 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *